Regione SicilianaLogo del Parco
Condividi
Home » Vivere il Parco » I punti di interesse » Punti di interesse naturalistico

Grotta San Teodoro

Si trova nel Comune di Acquedolci: il sito, custodito dal Parco Archeologico di Tindari, è fruibile gratuitamente tutti i giorni dell'anno, con orari differenziati a seconda del periodo.

La Grotta di San Teodoro è nota agli studiosi sin dal 1859, anno in cui Francesco Anca, Barone di Mangalavite, la scoprì ed effettuò i primi scavi.

All'interno della grotta furono rinvenuto due orizzonti ben distinti: nell'orizzonte inferiore si trovava un deposito di mammiferi estinti, in quello superiore invece, resti di specie utili all'alimentazione dell'uomo ed innumerevoli quantità di armi in pietra.

Nel 1937 vennero effettuati dei saggi di scavo nella grotta, portando successivamente alla luce resti umani: complessivamente, nel corso degli anni sono stati rinvenuti i resti appartenenti a 7 individui.
Le sepolture sono le prime ed uniche rinvenute in Sicilia, che hanno offerto dati di eccezionale interesse per la conoscenza dei più antichi abitatori della Sicilia.

Thea, questo il nome affettuosamente attribuito ad uno di essi, proveniente dalla Grotta di San Teodoro, rappresenterebbe il primo scheletro umano ritrovato in Sicilia: si tratta di un individuo dell'età  di circa trent'anni ed alta 1,55 m, oggi  conservato all'interno del museo Gemmellaro di Palermo.
Di lei è stato anche riprodotto un ipotetico volto che ne racconta la fisionomia

Comune: Acquedolci (ME) | Regione: Sicilia | Localizza sulla mappa
Approfondimenti
 
Logo del Parco
© 2020 - Ente Parco Naturale Regionale dei Nebrodi
C.da Pietragrossa - SS 113 km.140+650 - 98072 Caronia (ME)
Tel 0921/333015 - fax 0921/335794 - Email: info@parcodeinebrodi.it - Posta certificata: info@pecparcodeinebrodi.it


Partita IVA: 95004770830
URP