MENU















MULTIMEDIA

ARCHIVIO NEWS










   

Il Commissario Straordinario dell’Ente Parco, Antonino Ferro, premia l’esemplare più rappresentativo, intanto fervono i preparativi per la partecipazione a “Fieracavalli”

Si è conclusa con successo la Rassegna della Mostra Mercato del Cavallo Sanfratellano, che nonostante le avverse condizioni meteo, quest’anno ha festeggiato la sua 51 edizione.

Il Cavallo sanfratellano diventa il simbolo della comunità del Parco dei Nebrodi. Morello, baio scuro o chiaro, imponente nelle forme, nevrile ma docile, robusto e leggero.

Erano oltre 250 gli allevatori iscritti alla manifestazione riservata alle popolazioni equine riconducibili a gruppi etnici locali. Puledri, stalloni e fattrici, sono stati tutti suddivisi per sezioni e categorie, ed elencati poi in ordine crescente di età. Una Rassegna promossa dal Comune di San Fratello, dall’Ente Parco dei Nebrodi, dall’Associazione Nazionale Allevatori del Cavallo Sanfratellano, dall’Associazione Sportiva del Cavalo Sanfratellano, che gestisce il centro di addestramento ippico in località “Ranone” e dall’Istituto Regionale di Incremento Ippico.

Alla rappresentazione sono intervenuti il Commissario Straordinario dell’Ente Parco dei Nebrodi, Antonino Ferro, il Direttore dell’Ente, Massimo Geraci, una delegazione dei sindaci dei Comuni del Parco, Antonino Caputo di Cesarò e Salvatore Agliozzo di San Teodoro, e altri amministratori del comprensorio.

A fare gli onori di casa il sindaco di San Fratello, Salvatore Sidoti Pinto. La manifestazione che ha attirato l’attenzione di numerosi visitatori e amanti del cavallo, arrivati da diverse parti dell’isola che hanno visitato l’area boschiva di “Passo dei Tre”, apprezzandone i caratteri genetici propri della popolazione equina sanfratellana.

Il Parco dei Nebrodi – spiega il Commissario Straordinario dell’Ente Parco dei Nebrodi, Antonino Ferro – deve puntare su manifestazioni di eccellenza che ne valorizzino il nostro territorio. E il Cavallo Sanfratellano è una preziosa risorsa del Parco sotto il profilo storico, zootecnico, paesaggistico, culturale e turistico che deve essere valorizzata per la promozione di un turismo ecosostenibile. L’Ente intanto - ha anticipato il Commissario - si sta già attivando per realizzare delle ippovie nell’area protetta”.

A fare da corollario all’evento tanti allevatori impegnati a sfoggiare il maestoso esemplare, allevato allo stato semi – brado, addestrato talvolta anche a scopi agonistici, punto di orgoglio dei mandriani i quali esibivano con vanto le inconfondibili caratteristiche. Una giuria formata da personale altamente qualificato ha inoltre valutato le diverse esibizioni e caratteristiche della razza equina, per poi passare alla premiazione dei più rappresentativi puledri, fattrici, cavalli e stalloni. Ampio risalto è stato dato alla degustazione dei prodotti tipici dei Nebrodi, con uno stand allestito dall’Ente Parco sui luoghi più evocativi dell’area protetta.

Soddisfatto il Sindaco del Comune di San Fratello, Salvatore Sidoti Pinto che ha subito puntualizzato. “Il cavallo San Fratellano ha tutte la caratteristiche per il riconoscimento di razza equina propria per le sue peculiarità genetiche di alto prestigio. E da oggi assicuriamo un impegno in più per l’identificazione di razza, definito per eccellenza il cavallo siciliano”.

Intanto il Comune di San Fratello e l’Ente Parco dei Nebrodi, in collaborazione con le diverse associazioni del Cavallo Sanfratellano, si preparano a partecipare all’importante rassegna di “Fieracavalli” che si terrà dal 5 all’8 novembre a Verona nel corso della quale saranno presentate le eccellenti caratteristiche del cavallo sanfratellano, imponente nelle forme, nevrile ma docile, robusto, allevato brado negli 86 mila ettari del Parco dei Nebrodi.


19 Ottobre 2009

la classifica.doc


  • BACHECA


  • EVENTI DEI COMUNI

  • RICERCA

  • WEBMAIL