MENU















MULTIMEDIA

ARCHIVIO NEWS










   

L’Ente Parco dei Nebrodi ha apprezzato l’iniziativa promossa dall’Unione dei Comuni dei Nebrodi di realizzare un canile comprensoriale per il controllo del fenomeno del randagismo.
Fenomeno, questo, diffuso in tutto il territorio dei comuni che ricadono nel Parco, che determina problemi di ordine sanitario e di incolumità della sicurezza sociale.
Non ultimo, in questo periodo, nel territorio del Parco si sono verificati diversi avvelenamenti di cani randagi.
Il caso ha preoccupato molto il Parco dei Nebrodi, visto che le carcasse avvelenate possono entrare nella catena trofica della fauna selvatica che vive nel territorio dell’area protetta, con grave rischio per la sopravvivenza dell’Avvoltoio Grifone, reintrodotto nel Parco con grandi sacrifici da parte dell’Ente.
Il Parco dei Nebrodi pertanto sarà ben lieto di poter partecipare al  partenariato interessato alla realizzazione del canile comprensoriale, in modo da concorrere alla risoluzione della problematica del randagismo.

29 Settembre 2009


  • BACHECA


  • EVENTI DEI COMUNI

  • RICERCA

  • WEBMAIL