MENU















MULTIMEDIA

ARCHIVIO NEWS










   

Il Parco dei Nebrodi promuove il turismo sostenibile con quello eno – gastronomico.

Dalla storia dei sapori ai segreti del cibo siciliano per rivelare la tradizione sugli usi e costumi della cultura di un popolo. “Guida ai sapori perduti” è il nuovo libro rassegnato alle stampe dalle nota scrittrice e studiosa palermitana Marcella Croce, per la quale il cibo diviene un modo eccellente per “leggere” un popolo e la sua storia.

Non meno dell’arte o della scienza l’arte culinaria ha lasciato una traccia indelebile nella cultura mediterranea. Non si tratta solo di un volume di ricette o di una guida gastronomica, né tantomeno di un’antologia di antichi segreti saltati fuori dalla memoria della nonna.  Il libro di Marcella Croce racconta la storia siciliana, i luoghi della natura attraverso i sapori e colori del cibo come la più alta espressione di identità della nostra terra.

Il nuovo testo di storia gastronomica della Sicilia è stato illustrato domenica 25 gennaio ad Ucria presso l'agriturismo “Pardo”. Alla presentazione del libro di Marcella Croce “Guida ai Sapori perduti”, ha preso parte il Commissario Straordinario dell’Ente Parco dei Nebrodi, Antonio Ceraolo, il quale intende promuovere e valorizzare le risorse locali attraverso l’associazione “Strade dei Sapori” per creare una rete di eccellenze, che consentano di mettere in rete il turismo sostenibile con quello enogastronomico.
A fare gli onori di casa il sindaco di Ucria, Franca Algeri, il presidente della Pro loco, Francesco Niosi, il professore Matteo Florena, il Direttore del servizio documentazione dell'Assessorato Regionale Beni Culturali, Francesco Vergara, la docente Angela Marciante Di Giorgio e il giornalista Nino Dragotto.
Il volume, edito dalla casa editrice Kalòs, illustra con particolare attenzione, storie e segreti del cibo siciliano, con quaranta antiche ricette. 

26 Gennaio 2009


  • BACHECA


  • EVENTI DEI COMUNI

  • RICERCA

  • WEBMAIL