MENU















MULTIMEDIA

ARCHIVIO NEWS










   

 

Il 3 e 4 ottobre ad Alcara Li Fusi interverranno i maggiori geologi della Sicilia per analizzarne i fenomeni franosi dei geositi del territorio di Alcara Li Fusi, definito atipico, di tipo dolomitico rispetto al tessuto collinare proprio della Sicilia

 

Due giorni di convegni - studio - escursioni per analizzare il rischio del dissesto idrogeologico in Sicilia, con particolare riferimento all’area dei Nebrodi.
“Classificazione e metodologie per la valutazione della pericolosità e del rischio frane”, è il titolo della XXIV Giornata di Studi e Laboratorio che si terrà il 3 e 4 ottobre nella splendida cornice del Comune di Alcara Li Fusi,  all’interno del Salone San Giovanni.
Il congresso è stato promosso dall’Ordine Regionale dei Geologi di Sicilia e dalla Società Italiana Geologia Ambientale - SIGEA, con il patrocinio del Comune di Alcara Li Fusi, e dell’Ente Parco dei Nebrodi. Partner dell’evento l’INTEA Srl Informatica, territorio e ambiente. La due giorni prenderà inizio Venerdì 3 ottobre con la registrazione dei partecipanti e si concluderà Sabato 4 con un’escursione sul territorio.
Tra i relatori interverranno il Commissario dell’Ente Parco dei Nebrodi, Antonio Ceraolo, il Presidente dell’Ordine dei Geologi, Gian Vito Graziano, e il vice presidente, Michele Gerbino, il consigliere dell’ordine, Enzo Pinizzotto, il Presidente della Sigea Sicilia, Biagio Privitera, il Geomorfologo dell’Università Roma, Tre Claudio Puglisi.
Nel pomeriggio di venerdì, relazioneranno l’esperto SIT/GIS sulla pericolosità del rischio frana, Bernardini De Cristoforo e il Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici della Protezione Civile, Giuseppe Basile.
A fare gli onori di casa il sindaco di Alcara Li Fusi, Giuseppe Spinello
Il congresso prevede un importante incontro tra i maggiori geologi della Sicilia. Nel corso della due giorni saranno studiati, alcuni siti di notevole interesse per analizzarne i fenomeni franosi dei geositi del territorio di Alcara Li Fusi, definito dagli esperti, atipico, di tipo dolomitico rispetto al tessuto collinare proprio della Sicilia.
“L’area di Alcara Li Fusi - chiarisce il vice Presidente dell’ordine Geologi, Michele Gerbino - rappresenta una palestra sugli studi geomorfologici in cui ci sono tutti i tipi di dissesti e frane di crollo del costone roccioso che minaccia il centro abitato, e altre frane complesse che interessano, per la loro estensione, altre vaste porzioni di territorio alcarese”.

 

 “La missione del geologo – spiega il commissario del Parco dei Nebrodi Antonio Ceraolo – è quella di studiare i fenomeni evolutivi della geomorfologia del territorio, ma fare in modo di conservare intatto il paesaggio ambientale senza alterare gli equilibri della natura”. Tra gli obiettivi più ambiziosi del Comune di Alcara e del Parco dei Nebrodi è  lo sviluppo di un turismo di nicchia incentrato sul geoturismo culturale.
01 ottobre 2008

  • BACHECA


  • EVENTI DEI COMUNI

  • RICERCA

  • WEBMAIL