MENU















MULTIMEDIA

ARCHIVIO NEWS










   

Successo di pubblico per la sesta edizione della manifestazione “Porcelli e Porcini”, che si è svolta sabato scorso a Caronia. La kermesse, dedicata al suino nero e ai funghi, è stata promossa e patrocinata dal comune di Caronia e dall’Ente Parco dei Nebrodi, organizzata dalla Pro Loco, con la partecipazione di "gli amici di Courmayeur" e "L'associazione delle strade del vino di Toscana". Nonostante la pioggia, è stato registrato un elevato numero di visitatori - buon gustai.
Il Parco ha allestito un proprio stand per la degustazione del prosciutto del suino nero dei Nebrodi. Per la prima volta, dopo l’importante riconoscimento ottenuto a livello europeo, questo prodotto è stato presentato ufficialmente in Sicilia, in occasione della Sagra, ovvero all’interno di una manifestazione tanto attesa che ha luogo proprio nel comune sede del Parco. Il suinetto nero, dal pelo ispido e con la cresta sulla schiena è un animale rustico e frugale, allevato allo stato brado e che si ciba della vegetazione del sottobosco. Le carni, delicate, squisite, contengono altissimi livelli di acidi grassi insaturi, che svolgono un’importante azione protettiva dell’organismo umano. Il prosciutto crudo (NEBRODOK) e il lardo (LARDOK) del Suino Nero dei Nebrodi sono stati inseriti nelle produzioni del prestigioso prosciuttificio DOK dall’Ava (iniziativa nata dalla collaborazione tra il titolare, dall’Ava e i soci del Consorzio di tutela del suino Nero dei Nebrodi).
Caronia, situata nel cuore dei Nebrodi, è un paese ricco di storia e di boschi, che ospitano appunto una razza autoctona di suinetto nero e dove sono presenti i funghi, che, profumatissimi e invitanti, hanno arricchito il “banchetto” della Sagra. La “Festa del mangiar bene” ha visto impegnati i macellai, che hanno preparato i tagli migliori e la salsiccia fresca cucinata alla brace e i cuochi alle prese con il risotto ai funghi porcini. Il tutto accompagnato dal pane casereccio e dal vino rosso. “Porcelli e Porcini” è anche un “gemellaggio gastronomico” fra territori diversi: il nord e il sud a tavola, all’insegna del mangiar bene e dell’ospitalità. Dal 2001, ospiti gli amici di Courmayeur, che hanno cucinato sul posto la polenta valdostana con il “cervo in civet”. Presente, in quest’edizione, anche l’Associazione delle strade del vino di Toscana. Ma, a caratterizzare la sagra, impreziosita dallo scambio culinario, sono state soprattutto le specialità della zona.
“Sono soddisfatto - sottolinea il sindaco di Caronia Pedro Spinnato (componente del Comitato del Parco) - a parte la pioggia, la manifestazione è andata bene. Si è verificato un massiccio afflusso di gente proveniente non solo dal comprensorio, ma anche dal nord. Alto il numero di camperisti, che hanno soggiornato nella cittadina qualche giorno”. Appuntamento, dunque, al prossimo anno con una Sagra che celebra i Monti Nebrodi e le loro risorse gastronomiche. 


14  ottobre 2005
                                                                              Luigi Ialuna
                                                            Ufficio Stampa Parco dei Nebrodi




**** *** ***

Una sagra che celebra i Monti Nebrodi e le loro risorse gastronomiche. La manifestazione “Porcelli e porcini”, promossa e patrocinata dal comune di Caronia e dall’Ente Parco dei Nebrodi, organizzata dalla Pro Loco, con la partecipazione di "gli amici di Courmayeur" e "L'associazione delle strade del vino di Toscana", giunge alla sesta edizione. E’ una kermesse dedicata al suino nero autoctono e ai rinomati funghi. Si svolgerà sabato prossimo, a Caronia, in piazza Canale, dove verranno offerti entrambi i prodotti. I macellai prepareranno i tagli migliori e la salsiccia fresca da cuocere alla brace, mentre i cuochi saranno alle prese con il risotto ai funghi porcini. Il tutto accompagnato dal pane casereccio e dal vino rosso.
“Porcelli e Porcini” è anche un “gemellaggio gastronomico” fra territori diversi. Nel 2000 è stata presente la toscana Montespertoli, mentre dal 2001 e a tutt’oggi sono graditi ospiti gli amici di Courmayeur, che prepareranno sul posto la polenta valdostana con il “cervo in civet”. Quest’edizione vanterà anche la presenza dell’Associazione delle strade del vino di Toscana. Insomma, il nord e il sud a tavola, all’insegna del mangiar bene e dell’ospitalità.
Ma, a caratterizzare la sagra, impreziosita dallo scambio culinario, saranno soprattutto le specialità della zona.
Caronia, situata nel cuore dei Nebrodi, fa parte del territorio del Parco. E’ un paese ricco di storia e di boschi, dove sono presenti i funghi, che, profumatissimi e invitanti, arricchiranno il “banchetto”. I boschi ospitano, inoltre, una razza autoctona di suinetto nero dei Nebrodi, dal pelo ispido e con la cresta sulla schiena. Un animale rustico e frugale, allevato allo stato brado e che si ciba della vegetazione del sottobosco. Le carni, delicate, squisite, contengono altissimi livelli di acidi grassi insaturi. Qualità che hanno recentemente ottenuto ampio riconoscimento, a livello europeo. Il prosciutto crudo (NEBRODOK) e il lardo (LARDOK) del Suino Nero dei Nebrodi sono stati, infatti, inseriti nelle produzioni del prestigioso prosciuttificio DOK dall’Ava (iniziativa nata dalla collaborazione tra il titolare, dall’Ava e i soci del Consorzio di tutela del suino Nero dei Nebrodi). E per la prima volta, sabato prossimo, verranno presentati ufficialmente in Sicilia, in occasione della Sagra.
“E’ l’opportunità per far conoscere quest’iniziativa che stiamo portando avanti a livello internazionale - dichiara il commissario straordinario dell’Ente Parco dei Nebrodi Salvatore Seminara – e quale migliore modo per festeggiare l’importante riconoscimento ottenuto da due prodotti tipici dei Nebrodi, dei quali è stata già avviata la produzione, se non quello di presentarli all’interno di una manifestazione tanto attesa e proprio nel comune sede del Parco. In questi giorni dall’Ava sta presentando le peculiarità nostrane anche in Francia. Quest’iniziativa rientra nell’ambito della politica, avviata dal Parco, di promozione e commercializzazione dei prodotti nebroidei al di là dei confini nazionali”.
Non resta, dunque, altro che attendere l’arrivo di giorno 8, per appagare il gusto e la vista e lasciarsi deliziare dalla “Festa del mangiar bene”!




P R O G R A M M A

ore 10,00 Escursione nel Parco - Partenza dalla cittadina di Caronia ed escursione a Portella
dell’Obolo, lungo il sentiero del carbone e nel bosco della Tassita (coordinatore: Antonio
Spinnato - esperto del Parco dei Nebrodi);
ore 16,00 Visita del Centro Storico;
ore 20,30 La Festa in Piazza "Caronesi nel mondo".
LA FESTA DEL MANGIAR BENE


4 ottobre 2005
                                                                                          Luigi Ialuna
                                                                         Ufficio Stampa Parco dei Nebrodi

Webmanager Enzo Parrino


  • BACHECA


  • EVENTI DEI COMUNI

  • RICERCA

  • WEBMAIL