MENU















MULTIMEDIA

ARCHIVIO NEWS










   

Si è conclusa la prima fase del progetto “Forma giovani”, avviato dall’Ente Parco dei Nebrodi e finalizzato a creare professionalità da poter utilizzare all’interno del territorio nebroideo, nell’ambito di un programma di sviluppo turistico ed economico dell’area interessata. Quarantacinque gli allievi selezionati che, suddivisi in quattro corsi (due svoltisi a Sant’Agata e due a Randazzo), hanno frequentato le lezioni tenute, nei mesi scorsi, da esperti e consulenti del Parco. Sei mesi di formazione didattica in aula, unita a visite guidate all’interno del territorio del Parco per conoscerne le peculiarità e ammirarne le bellezze. E’ stato espletato anche uno stage presso l’istituto Pangea (Istituto europeo per 1'educazione e la formazione professionale per l’ambiente) ed effettuate escursioni nel Parco nazionale del Circeo e nel Parco nazionale del Vesuvio. In particolare, i corsi frequentati sono stati: “Operatore turistico beni culturali e ambientali” e “Operatore socio-ambientale per lo sviluppo sostenibile”. Adesso, partirà la fase “On the job”, ovvero quella lavorativa. Gli allievi verranno assunti dall’Ente Parco con contratto di lavoro part-time per la durata di diciotto mesi e andranno a svolgere mansioni specifiche sul territorio di appartenenza. Cinque le aree di riferimento: laboratorio multimediale, promozione e organizzazione di fiere ed eventi, educazione ambientale presso le scuole, partenariato e sviluppo locale e servizi per la fruizione - gestione di strutture e sentieri. Il progetto “Forma Giovani”, finanziato dal Ministero dell’Ambiente, è rivolto a “creare opportunità di lavoro imprenditoriali”. Un’iniziativa per formare giovani specializzati nello specifico settore ambientale e che sviluppino una mentalità di impresa, orientandosi verso la gestione dei servizi e delle strutture presenti nel territorio del Parco, garantendone l’opportuna fruizione e contribuendo alla promozione delle risorse naturali dello stesso. Nei prossimi diciotto mesi i quarantacinque allievi saranno affiancati da esperti dell’Ente Parco e coordinati dalla responsabile del progetto, dottoressa Roberta Messina (segreteria di direzione: architetto Nuccia Sottosanti). Opereranno su tutto il territorio del Parco, nelle strutture preposte e nei centri visita che stanno per essere attivati, ognuno in base alle competenze assegnate. E organizzeranno attività artistico-culturali e campagne di sensibilizzazione in materia di salvaguardia e tutela ambientale. La formazione professionale che questi giovani acquisiranno a conclusione del progetto, strettamente legata al territorio e alle politiche di creazione di uno sviluppo sostenibile, rappresenta un importante “biglietto da visita” per l’inserimento nel mondo del lavoro e, nello specifico, per l’accesso al settore imprenditoriale.

Il commissario straordinario Salvatore Seminara dichiara: “con questa iniziativa il Parco si propone sempre più come fulcro per lo sviluppo sostenibile dell’area e come agenzia per la creazione di nuove opportunità di lavoro per i giovani”.


  • BACHECA


  • EVENTI DEI COMUNI

  • RICERCA

  • WEBMAIL