MENU















MULTIMEDIA

ARCHIVIO NEWS










   

Il sistema di vigilanza verrà potenziato all’interno del territorio del Parco dei Nebrodi, al fine di tutelare e salvaguardare le risorse naturali dell’area protetta. Il “servizio di prevenzione e controllo” sarà organizzato dall’Ente Parco dei Nebrodi, di concerto con l’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste e Legambiente. Sotto osservazione i punti nevralgici di maggiore interesse: Portella di Femmina Morta, Maulazzo, Biviere di Cesarò, Piano Cicogna, Ambolà, Portella Gazzana e Portella Mitta. Il provvedimento si è reso necessario per prevenire l’accesso di automezzi e in particolare fuoristrada e motocross soprattutto sulla dorsale dei Nebrodi. All’interno del Parco sono in vigore appositi divieti, ad esempio riguardanti l’attività venatoria, la circolazione degli automezzi (che non possono lasciare la pista) o accendere fuochi e gettare rifiuti. Presso gli uffici dell’Ente Parco dei Nebrodi sono disponibili cartine, contenenti indicazioni sui comportamenti da adottare per operare secondo le “norme” del rispetto ambientale. Parallelamente, sarà avviata una campagna informativa e di sensibilizzazione da parte dell’Ente Parco e di Legambiente. Chiunque venga a conoscenza o sia testimone di azioni che mettano a rischio l’integrità dell’area protetta può darne segnalazione contattando il Centro Operativo Provinciale della Forestale (090/6401243). E l’avvistamento di eventuali incendi potrà essere comunicato telefonando al numero 1515.


  • BACHECA


  • EVENTI DEI COMUNI

  • RICERCA

  • WEBMAIL