MENU















MULTIMEDIA

ARCHIVIO NEWS










   


E’ stata presentata la versione definitiva del PIR (Progetto Integrato Territoriale) Rete Ecologica Siciliana di recente approvato dalla giunta di governo, su proposta dell’Assessore Regionale al Territorio e Ambiente.
La presentazione è avvenuta durante il convegno organizzato dal Parco dei Nebrodi a Sant’Agata Militello al quale ha partecipato un numeroso pubblico di amministratori, operatori socio-economici del territorio ed esperti del settore.
Durante l’incontro sono stati illustrati gli indirizzi strategici, gli obiettivi operativi e gli strumenti per l’attuazione di una strategia di conservazione della biodiversità nei territori protetti della Sicilia. Uno strumento che permetterà di proteggere ma anche di valorizzare e rendere fruibili dei territori caratterizzati dall’alta naturalità.
L’obiettivo , infatti, sarà quello di costruire, in ambiti territoriali dotati di un elevato valore naturalistico, nuovi modelli di gestione in grado di saper coniugare salvaguardia di habitat e risorse ambientali con uno sviluppo economico e sociale che sia in grado di utilizzare, come vantaggio rispetto ad altri territori, la qualità delle risorse naturali.


“Nel territorio del Parco e in quello limitrofo all’area protetta si è elaborato e costruito in questi anni un laboratorio concreto di Rete Ecologica. Ciò grazie ad una serie di interventi di salvaguardia e protezione ambientale, ma anche di interventi infrastrutturali e strutturali il cui obiettivo è quello di migliorare la fruizione del territorio del Parco. Un lavoro condiviso e realizzato con la collaborazione dei Comuni del comprensorio nebroideo che hanno contribuito in maniera determinate a programmare la costruzione di un nuovo modello di sviluppo in cui le risorse ambientali e naturali hanno un ruolo determinante. Un modo di operare che ha saputo coniugare protezione dell’ambiente e della natura con la presenza dell’uomo che in questo territorio ha saputo vivere in perfetta simbiosi. Non è un caso che tra poco entreranno a far parte della comunità del Parco due nuovi comuni Acquedolci e Troina”. Con queste dichiarazioni Salvatore Seminara, commissario straordinario del Parco dei Nebrodi, ha aperto i lavori del convegno.
L’incontro è continuato con le relazioni di Angelo Dimarca responsabile parchi e riserve di Legambiente Sicilia; di Paola Andreolini - task Force Autorità Ambientale – Ministero dell’ambiente e di Giuseppe Lo Paro, presidente del comitato tecnico scientifico del Parco dei Nebrodi.
Fra gli interventi programmati quelli dell’on.le Antonino Beninati, presidente IV Commissione Ambiente e Territorio dell’Assemblea Regionale Siciliana che ha concluso i lavori.

29 gennaio 2005

 

****===****

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CONVEGNO
RETE ECOLOGICA SICILIANA – Il Sistema Naturale dei Nebrodi

29 gennaio 2005 - Sant’Agata Militello – Palauxilium

La Regione Siciliana, ai primi posti in Italia per il numero di aree protette, ha recentemente approvato il PIR (Progetto Integrato Regionale) Rete Ecologica, il cui obiettivo strategico è quello di elaborare e costruire nuovi modelli di gestione che generino conservazione e qualità, ma anche reddito e occupazione.

La Rete Ecologica rappresenta, sicuramente, un valido strumento per far interagire ambiti territoriali di elevata valenza naturalistica in cui sviluppare un’azione che sappia coniugare la tutela e la conservazione delle risorse ambientali con uno sviluppo economico e sociale.

Infatti attraverso la valorizzazione delle risorse del patrimonio naturalistico all’interno dei territori della Rete Ecologica si potranno sviluppare nuove attività sostenendo in tal modo la crescita economica ed il perseguimento di politiche di integrazione tra uomo e natura.

In questo contesto, del quale i Nebrodi costituiscono una componente essenziale, si colloca l’attivazione di strategie per la conservazione della natura e della biodiversità quale sistema coordinato di biotopi tutelati in funzione della conservazione di specie e habitat minacciati.

Chiave del convegno è la comprensione delle geometrie della Rete Ecologica Siciliana ed al contempo la condivisione delle strategie che coinvolgono gli attori del territorio dei Nebrodi in questo importante processo di sviluppo sostenibile.

Programma:

ore 10.00
- Registrazione Partecipanti
- Apertura Convegno
- Saluti Autorità

- Introduzione:

Dott. Salvatore Seminara
Commissario Straordinario Ente Parco dei Nebrodi

- Relatori:

Sig. Angelo Dimarca
Responsabile Parchi e Riserve Legambiente Sicilia

Dott.ssa Paola Andreolini
Regione Sicilia - Task Force Autorità Ambientale Ministero dell’Ambiente

Prof. Giuseppe Lo Paro
Presidente Comitato Tecnico Scientifico del Parco dei Nebrodi


- Interventi Programmati:

On. Antonino Beninati
Presidente IV Commissione Ambiente e Territorio dell’ARS

On. Giuseppe Castiglione
Parlamentare Europeo – Componente Commissione per l’Ambiente la Sanità Pubblica e la Sicurezza Alimentare

- Conclusioni
On. Francesco Cascio
Vicepresidente della Regione Siciliana
Assessore al Territorio e Ambiente

Mostra e degustazione di prodotti tipici


INFORMAZIONI UTILI CONVEGNO
Come arrivare al Palauxilium
Dall’autostrada A20 Messina-Palermo uscita casello di S. Agata Militello. Entrando nel centro abitato proseguire percorrendo la SS. 113 (via Medici), direzione Messina. Dopo circa 500 metri bisogna obbligatoriamente svoltare a destra (via Cernia).
Proseguire per circa 200 metri fino all’entrata nord del Palauxilium. Segnaletica in loco.

Organizzazione: Ente Parco dei Nebrodi
Segreteria organizzativa del convegno:
Sig.ra Anna Di Giorgio – Sig.ra Graziella Papa

Info ENTE PARCO DEI NEBRODI
Tel 0941 705934
Fax 0941 705935
Via Cosenz 155 - 98076 Sant’Agata Militello
e-mail info@parcodeinebrodi.it
www.parcodeinebrodi.it


  • BACHECA


  • EVENTI DEI COMUNI

  • RICERCA

  • WEBMAIL