MENU















MULTIMEDIA

ARCHIVIO NEWS










   
Rinnovate le cariche della Banca del Germoplasma Vegetale dei Nebrodi

Rinnovate le cariche della Banca del Germoplasma Vegetale dei Nebrodi.

Antoci: continua l’impegno di tutela della biodiversità vegetale.

S.Agata M.llo, 27  aprile 2017 –  

Si rinnovano le cariche per la Banca del Germoplasma Vegetale dei Nebrodi, creata dal Parco dei Nebrodi con il supporto tecnico e scientifico del dipartimento di Scienze Biologiche dell'Università di Palermo – socio del Consorzio della Banca - , per tutelare la biodiversità vegetale dei Nebrodi sia per le piante coltivate che per le specie forestali e selvatiche.

La Banca, fiore all’occhiello del Parco per le intense attività di tutela e conservazione del germoplasma locale, ospita anche al proprio interno un giardino botanico intitolato al botanico nebrodense Bernardino da Ucria .

Con la nomina del Consiglio di Amministrazione composto da Giuseppe Antoci, Presidente del Parco, di Felice Genovese, Presidente dell’Ordine dei dottori  Agronomi e Forestali della provincia di Messina e di Cristina Salmeri, professore associato di Botanica presso l’Università di Palermo, Dipartimento STEBICEF (Dipartimento Scienze tecnologie e chimica farmaceutica) si rinnovano così le cariche sociali per il triennio 2017-2020.

Il Consiglio, insediatosi nella seduta del 26 aprile, ha inoltre provveduto alla nomina dei componenti del Comitato Tecnico Scientifico dei seguenti esperti:

Anna Scialabba, professoressa di botanica ed ecologia vegetale dell’Università di Palermo, di Francesco Raimondo, noto botanico già presidente della Società Botanica italiana nonchè figura scientifica di riferimento della Banca del Germoplasma sin dalla sua istituzione e di Salvatore Granata, Presidente onorario Circolo Legambiente Nebrodi.

 

Ringrazio tutti i componenti uscenti per la collaborazione fornita – dichiara Giuseppe Antoci. Auguro  un  continuo e rinnovato impegno nell’ottica di proseguire l’azione di tutela della biodiversità dei Nebrodi, per la valenza scientifica  riconosciuta  conclude Antoci.




  • EVENTI DEI COMUNI

  • RICERCA

  • WEBMAIL